IL MONDO È BELLO PERCHÉ È VARIO

Il 22 maggio di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale della Biodiversità



Alla scoperta della biodiversità, l’indicatore che ci racconta con quanti animali e piante condividiamo la vita sul Pianeta. Il 22 maggio di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale della Biodiversità, un evento fondamentale per ricordarci che tutti gli esseri viventi sono interconnessi, oggi più che mai.

LA GIORNATA MONDIALE DELLA BIODIVERSITÀ

La Giornata mondiale della Biodiversità si celebra dal 22 maggio 1992, data in cui fu stilata, a Nairobi, la Convenzione sulla Diversità Biologica, un trattato internazionale che ha come obiettivi la conservazione della biodiversità ed il suo utilizzo sostenibile

La biodiversità non si misura soltanto contando il numero di specie in un ecosistema, ma anche come sono distribuite, la varietà di ambienti in quell'ecosistema e la varietà genetica all'interno di una popolazione di ogni specie (con il termine varietà genetica si intendono quelle comunità di animali o vegetali i cui componenti non sono imparentati fra di loro se non in minima parte).



COS’È LA BIODIVERSITÀ?

Per gli studiosi di ecologia, la diversità biologica o biodiversità è la varietà di organismi viventi nelle loro diverse forme, e nei rispettivi ecosistemi. Se consideriamo la biodiversità globale, allora dobbiamo pensare a tutte le specie animali e vegetali presenti sul Pianeta. Tuttavia, la biodiversità può anche riferirsi ad un ambiente specifico, come una regione, un lago o anche il giardino di casa.

Quindi, la biodiversità entro un determinato ambiente è la varietà di organismi viventi in esso presenti.


Il nostro Paese è davvero ricchissimo di biodiversità! Secondo i dati raccolti da ISPRA, cioè l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, l’Italia è caratterizzata da un patrimonio di biodiversità tra i più significativi in ambito europeo per numero totale di specie sia animali che vegetali. Siamo, ad esempio, il Paese europeo che conta il maggior numero di specie di piante con semi.

L’Italia, oltre a essere tra i Paesi europei con maggior ricchezza floristica e faunistica, è caratterizzata da elevatissimi tassi di endemismo, ovvero dalla presenza di specie che vivono solo all’interno dei nostri confini italiani. Questa biodiversità così ricca è dovuta a molti fattori, come la posizione centrale dell’Italia nel Mediterraneo e i diversi ambienti che si alternano in pochi chilometri quadrati.

Se avete fatto attenzione, guardando la cartina dell’Italia o semplicemente in viaggio con mamma e papà, vi sarete accorti da soli che nel nostro Paese spesso montagne molto alte sono vicinissime al mare e, lungo il percorso di un singolo fiume, si passa da ambienti pianeggianti a paludosi, fino a zone di foce caratterizzate da sabbioni e piccole dune.

CITY NATURE CHALLENGE


Ma come si monitora un numero così grande di specie animali e vegetali? Ovviamente esistono organi dei vari Stati preposti a questo scopo, ma anche noi possiamo dare il nostro contributo. Qualche settimana fa, è stato organizzato un evento che aveva anche questo obiettivo.

La City Nature Challenge è una competizione amichevole ed internazionale di registrazione di osservazioni naturalistiche. Tutte le persone iscritte competono tra di loro per osservare e registrare su un’applicazione il maggior numero di osservazioni naturalistiche nella propria città.

Si va a caccia di animali e piante ma solo con le fotocamere!

Così facendo, diamo una mano a monitorare ed elencare tutti gli organismi che rendono varia e sorprendente la biodiversità del nostro Paese e non solo perché City Nature Challenge coinvolge oltre 400 città in tutto il mondo!

Quest’anno l’Italia ha partecipato con 16 città ed i risultati sono stati ancora una volta sorprendenti. Sono state infatti raccolte poco meno di 16.000 osservazioni e sono state registrate ben 3300 specie di flora e fauna selvatica.

Anche a livello mondiale, i risultati sono stati notevoli. I partecipanti delle 445 città iscritte hanno toccato ben più di un milione e mezzo di osservazioni e sono state circa 50.000 le specie di flora e fauna selvatica registrate; tra queste anche 2.100 tra specie rare, in pericolo e minacciate.

Eh sì! Perché tutte le attività come City Nature Challenge e gli eventi come la Giornata Mondiale della Biodiversità servono anche a ricordarci quanto patrimonio naturale del nostro Pianeta sia in pericolo. Osservare, studiare, raccogliere informazioni tramite foto o disegni o appunti, sono tutte attività che ci avvicinano alla Natura, che ce ne svelano la bellezza, la complessità ed anche la fragilità.

Non dobbiamo mai dimenticare il nostro ruolo: gli esseri umani devono essere abitanti rispettosi del Pianeta ed avere cura di ogni forma vivente perché il segreto della biodiversità è proprio questo: sapere di far parte tutti di una grande famiglia che vive sotto lo stesso cielo azzurro che ci fa da tetto.

PS: siete curiosi di sapere qual è stata la specie più fotografata a livello mondiale? Un semplice fiore: il tarassaco!

Achab Med srl
Via Alcide De Gasperi 44
San Giorgio del Sannio (BN)
P.iva 01332290624

Segreteria organizzativa 2021/2022
rassegna@educationalgoal.it
Telefono +39 3451530123
Sede operativa
c.da Piano Cappelle, S.s. Appia km 267
82100 Benevento

info@achabmed.it
achabmedsrl@legalmail.it

 
 
Siamo iscritti a MEPA