UNA GIORNATA PER LA TERRA (E NON SOLO)

Aprile è il mese che ospita la Giornata della Terra

Aprile è il mese che ospita la Giornata della Terra, una delle ricorrenze mondiali più importanti. La prima volta che abbiamo deciso di celebrare il nostro Pianeta, è stato il 22 aprile del 1970. Un evento ideato negli Stati Uniti e che, dal 1990, ha assunto importanza mondiale.


Nel 1990 furono ben 141 i Paesi che scelsero di portare all’attenzione di tutti le disastrose conseguenze dei nostri comportamenti. Gli eventi di quell’anno contribuirono in modo determinante ad aprire la strada per il Summit della Terra organizzato dalle Nazioni Unite a Rio de Janeiro, dal 3 al 14 giugno 1992.

Ogni anno, la Giornata della Terra ha un ‘tema’ diverso.

Quest’anno è stato “invest in our planet”: un richiamo a tutte le opportunità che il nostro Pianeta ci offre. Ogni nostra azione -dalla più piccola e quotidiana, ai grandi investimenti delle multinazionali e dei governi- deve essere improntata al rispetto della Natura.

La Terra non è fatta da ecosistemi da depredare ma da tutelare anche per garantire un futuro alla nostra specie che, danneggiando la Natura, danneggia sé stessa.


PIANETA TERRA CHIAMA PIANETA AZZURRO

Anche le acque, sia dolci che salate, sono in pericolo. Anzi, lo stato di salute dell’acqua è la prima spia di allarme per tutto il Pianeta. Per questo, anche durante la Giornata della Terra dobbiamo avere cura della sua parte…azzurra.

La salute delle acque dipende soprattutto dalle scelte che facciamo lontano da esse.

Ovviamente, è importante non gettare i rifiuti quando siamo sulla riva di un fiume o di un lago oppure direttamente fuori bordo se ci troviamo in barca. La cura delle acque, insomma, comincia proprio dalle nostre abitudini quotidiane.

Può sembrare un paradosso, ma uno dei pericoli più grandi per gli ecosistemi acquatici è rappresentato dall’inquinamento provocato dalla nostra scarsa attenzione nel conferire i rifiuti, in particolare la plastica.

Basta pensare che la plastica non riciclata grava sui mari con quantità enormi: qualcosa come una cifra compresa tra i 4,8 e i 12,7 milioni di tonnellate all’anno! La cosa più grave è che la maggior parte di questi rifiuti non proviene dalle navi, ma viene abbandonata nei fiumi e nei laghi per poi raggiungere gli oceani.


L’inquinamento da plastica grava sugli oceani per l’80% ed altrettanto ne soffrono laghi e fiumi. E la plastica non è solo quella che vediamo galleggiare ma anche quella invisibile ai nostri occhi: la cosiddetta microplastica.

Quando un materiale plastico giunge in acqua è già molto dannoso. Un sacchetto può per esempio essere facilmente scambiato per una medusa ed essere ingerito da una tartaruga con conseguenze potenzialmente mortali. Ma se quel sacchetto passerà abbastanza tempo in acqua, a causa del moto ondoso, del calore del sole e di altri agenti atmosferici, si disgregherà in pezzi via via più piccoli.

Diventerà, quindi, micro-plastica.

MICRO PLASTICHE, GRANDI ATTENZIONI

A questo punto, l’ingestione da parte anche di piccoli organismi sarà inevitabile. Le microplastiche sono già nei nostri piatti; molto del pesce che consumiamo ne è già contaminato. Abbiamo quindi una doppia responsabilità: quella verso la Natura ed i suoi abitanti e quella verso noi stessi e la nostra salute.


Ogni gesto è importante! Dando il buon esempio possiamo insegnare più che con le parole, come ci dimostrano i protagonisti di Plastic River, il film documentario che è stato tra i protagonisti del cartellone di eventi di Educational Goal.

Plastic River racconta l’impegno di un ragazzo che, a bordo del suo kayak, risale i laghi e fiumi lombardi ripulendoli dai sempre più frequenti rifiuti di plastica. Gesti importanti che ognuno di noi può replicare, durante una gita con la famiglia o con un’iniziativa organizzata con la scuola. Ogni gesto vale!

La cosa più importante è avere senso di responsabilità e non lasciare che siano gli altri o ‘i grandi’ ad occuparsi del Pianeta e degli oceani! Ogni giorno è la Giornata della Terra, ogni giorno è importante per avere cura della Natura, anche attraverso piccoli gesti di grande importanza!

Achab Med srl
Via Alcide De Gasperi 44
San Giorgio del Sannio (BN)
P.iva 01332290624

Segreteria organizzativa 2021/2022
rassegna@educationalgoal.it
Telefono +39 3451530123
Sede operativa
c.da Piano Cappelle, S.s. Appia km 267
82100 Benevento

info@achabmed.it
achabmedsrl@legalmail.it

 
 
Siamo iscritti a MEPA